Effetti Immagini

Pagine

giovedì 22 settembre 2011

Una giornata particolare..





Anche oggi mi piacerebbe riportare un resoconto della giornata politica svoltasi in questo paese ormai allo sfascio ,ecco la fredda cronaca:

Antonio di Pietro ha pacatamente dichiarato che se il governo non se ne va ci scappa sicuramente un morto. L’ex magistrato non ha voluto comunque precisare da quale obitorio il morto potrebbe scappare. In ogni caso io ho telefonato ai NAS e li ho messi in allerta. Di Pietro ha aggiunto inoltre che se le dimissioni del governo non avverranno entro le prossime ventiquattro ore andrà lui personalmente a riprendere Lavitola che così da almeno una bella bastonata a Ghedini e poi si rilassa andando ad arare la campagna e a raccogliere l’uva... L’UDC, viste le rassicuranti parole del segretario dell’IDV, per non essere da meno, ha detto che se Berlusconi non lascia è disponibile a dare una bastonata a Casini. Casini, molto risentito, ha tenuto il muso per parecchio tempo e poi a sfregio e’ andato a cena dal suocero tale Caltagirone, noto costruttore romano multimiliardario.. Bossi, visto l’andazzo, senza star lì tanto ad aspettare, ha dato subito un bel calcio sui maroni a Maroni e messo il dito nell’occhio di Castelli che passava di lì mentre andava a fare la pipì nel cesso alla turca di Brunetta... Berlusconi, visto che era da Napolitano, ha invitato ad una festa ad Arcore la signora Clio che ha dignitosamente rifiutato: pare abbia detto a Silvio che lei non frequenta gli anziani!!! Il PD arrivato come al solito in ritardo e non sapendo l’oggetto della discussione, tanto per fare scena, ha intonato un canto alpino a sei voci con la Bindi vestita da carmelitana. Nel Frattempo Bonaiuti veniva fulminato da un’idea geniale: trasferiva su carta carbone il programma elettorale del PdL, poi disatteso dal fatto che il Premier è finito vittima del suo stesso tentativo di rincoglionire le nuove generazioni. I tre valori fondamentali del berlusconismo, come sostiene il massone di Corrado Guzzanti in uno straordinario spezzone de Il caso Scafroglia (2002), sono, infatti, i soldi, il calcio e 'a fessa. Ecco, è per il terzo valore che il Premier si è giocato il cervello…. Come diceva il saggio: non pensare con il cervello… usa l’uccel…



---------------------------------------------------------------------------------------


PENSIERO DEL GIORNO DEDICATO AI SECCATORI :

Il buon senso è la cosa del mondo meglio ripartita. (...) Ciò vuol dire che la facoltà di giudicare rettamente e di distinguere il vero dal falso - che è quel che si chiama propriamente il buon senso o la ragione - è per natura eguale in tutti gli uomini; e, ancora, che la diversità delle nostre opinioni non proviene dal fatto che gli uni siano più ragionevoli degli altri, ma soltanto dal fatto che noi conduciamo i nostri pensieri per vie diverse e non ci riferiamo agli stessi oggetti... Ho interrogato la mia ragione; le ho domandato che cosa essa sia: questa domanda l'ha sempre confusa.
Cartesio (René Descartes) Discorso sul metodo, Mursia, 19915, p. 27.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie, il commento è in attesa di moderazione.

♥ LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...