Effetti Immagini

Pagine

sabato 27 agosto 2011

SIAMO TUTTI FIGLI DEL BUNGA BUNGA...


L'anello mancante...
Ebbene si, incontri fugaci, storie vere e proprie o forse anche solo semplicemente sesso: i nostri antenati si intrattenevano con i Neanderthal e anche con i Denisovans e queste storie, per quanto possano un po’ dispiacerci vedendo la ricostruzione fisica di questi ominidi, sono stati per noi umani di oggi una vera fortuna.

Mi pare giusto far vedere alcune immagini attraverso le quali gli attuali esseri umani portano nei loro cromosomi sessuali un frammento di dna dei Neanderthal e di un’altra specie di ominidi, i Denisovans.



Fase 1: Neanderthal femmina originale che si appartò con un maschio di Denisovans Silvions



Fase 2: Denisilvions tipo maschio che s'accoppiò con una Neanderthal.Da questo ceppo nacque Sapiens Saccens




Fase 3:  Silvions, esito finale di un accoppiamento primordiale 






Adesso capite perché grazie a questi accoppiamenti oggi la nostra specie chiamata "Ominidis Silvions" è immune alle malattie della crisi, della povertà e della democrazia....


Buona Domenica 


venerdì 26 agosto 2011

VARIE ED EVENTUALI...

- Oggi vorrei dividere il mio post quotidiano in 2 parti, la prima riguarda Calderoli e la tassa sull'evasione fiscale da lui propostaci. 
Secondo voi, dopo avere guardato bene la faccia e l'espressione (lasciamo stare il contenuto di cio' che dice) Calderoli cosa ha assunto? 

  • Ketamina intramuscolo dopo un tecno party con Borghezio. 
  • Cocaina per via endovenosa diluita con l'acqua del PO
  • Il Trota mescolato in gocce di LSD 
  • Calderoli non ha assunto nulla perchè da piccolo è caduto nel pentolone dove si bolliva la pozione per diventare un pirla padano....

- Passerei ora alla seconda parte del post, dedicata a tutti coloro   che si alzano al mattino e vorrebbero decidere per te, cosa e' giusto e cosa non lo e'.... 
Bene a queste persone raccontero' una bella poesia intitolata :

"SE"
Se......ingrassi, tutti pensano che sei incinta. 
Se dimagrisci, tutti pensano che sei malata. 
Se ti vesti bene, tutti pensano che sei vanitosa. 
Se ti vesti male, tutti pensano che sei una che non ci tiene.
Se piangi, fai pena. 
Se ridi sei scema.
Se esprimi la tua opinione, sei arrogante. 
Se ti giustifichi, sei problematica. 
Su tutto ciò che fai ti criticano.
E se ve ne andaste tutti a fare in c....

Dedicata a chi sa' tutto di tutto e poi ancora di tutto..... 


mercoledì 24 agosto 2011

IL DUO “GHE PENSI MI” COLPISCE ANCORA..


Oggi vorrei fare un post dedicato a 2 personaggi:
L’On GASPARRI e il Ministro LA RUSSA.

1) Il  senatore Maurizio Gasparri si è detto assolutamente contrario all'applicazione dell' ICI agli immobili del Vaticano, spiegando che sulla Chiesa grava già l'INRI . Bene allora vorrei tanto chiedergli come mai la legge che istituì l'8x1000 all'epoca di Craxi, prevedeva ogni 3 anni delle commissioni che dovevano decidere in funzione del numero di cittadini e del numero di religiosi, se abbassare le aliquote anziché rimanere inalterate, e perché molto spesso questi soldi anche se vengono lasciati allo stato, il medesimo anziché provvedere alle esigenze sociali dei cittadini devolve nelle casse della chiesa l'intera somma o non meno del 90%. Infine l'ICI non sarebbe pagato su immobili, quali chiese e conventi, ma esclusivamente su negozi, ospedali pubblici, convitti universitari, colonie estive, alberghi, ecc. dal quale la chiesa percepisce guadagni immensi (parliamo di miliardi di euro)di cui non dichiara nemmeno 1€ al fisco italiano visto che grazie alle leggi tributarie ne gode l’esenzione!!!!. Poi ci sono le successioni testamentarie per causa di morte, dove molti anziani e non, devolvono alla chiesa il patrimonio, lasciando ai legittimi eredi solo la quota di legittima, e i cari prelati non aspettano nemmeno il tempo che i familiari possano interiorizzare il lutto, che già' vogliono fare cassa, e anche il questo caso grazie alle esenzioni tributarie degli accordi fiscali con lo Stato la chiesa non dichiara nulla all'erario… 
     Insomma Gasparri ma pensi davvero che in Italia siamo tutti degli imbecilli?

2)    Accendo la tv e chi mi appare? Ignazio La Russa in onda di prima mattina su Raiuno per spiegarci le novità da Tripoli. Sullo sfondo di un bel giardino, il ministro ha sfoderato il solito giro di parole inutili e pompose  per concludere con una frase rassicurante: non dobbiamo preoccuparci del futuro, almeno per quel che riguarda il fronte libico. E qui comincio a preoccuparmi davvero, visto che i signori (si fa per dire) del governo sono quelli che, dopo averci detto per anni di non preoccuparci della crisi economica, ora vogliono toglierci anche il sangue per sanare disastri e sprechi da loro stessi creati. In particolare non dobbiamo dimenticare che La Russa, sempre con la scusa di tranquillizzarci, ha dilapidato 60 milioni di euro per far passeggiare poche centinaia di militari nel centro di poche città. Uno spot personale che abbiamo pagato noi contribuenti idioti. Perciò, qualunque cosa dica La Russa, gli crederò solo quando ci avrà restituito i soldi. E, se proprio vuole risultare non dico tranquillizzante, ma anche solo un po’ meno inquietante, deve prima cambiare faccia(e sarà dura…), poi nome e passato politico… Ma sta’ zitto e continua a giocare con i soldatini!!!



lunedì 22 agosto 2011

CONSIGLI PER GLI INVESTIMENTI..


Constatata la freddezza con la quale Francia e Germania hanno accolto la proposta di emettere gli Eurobond, i titoli di stato garantiti dall’Unione Europea, il ministro dell’economia italiano, Giulio Tremonti, ha deciso che il nostro Paese farà da solo, emettendo Bond fortemente personalizzati a seconda delle esigenze del cliente.

Ora vi illustro la proposta del nostra genio della finanza:

“MORIBOND”: titoli a durata variabile, strettamente correlata alle condizioni di salute del sottoscrittore e rimborsabili solo previa presentazione di un documento che ne attesti l’avvenuta estrema unzione.
“TREMEBOND”: titoli a bassissimo rischio, sottoscrivibili da chi già davanti all’ingresso di una banca viene assalito da attacchi di panico. Anche il rendimento, ovviamente, è molto basso: inizialmente dovrebbe aggirarsi attorno al - 2%.
“DUBITABOND”: riservati agli eterni indecisi, coloro che ogni mattina a colazione lanciano un sondaggio in famiglia sul colore dei calzini da indossare prima di uscire di casa. E prima di investire 200 euro ne spendono 350 di telefonate, benzina e parcheggio per informarsi sui rendimenti da tutti gli sportelli bancari esistenti in almeno tre regioni (non necessariamente contigue).
“NAUSEABOND”: per chi ormai neppure con le flebo di “Plasil” riesce ad arginare lo squaquarau gastrointestinale  che lo sorprende ogniqualvolta che sfoglia un quotidiano italiano che parla delle pirotecniche soluzioni proposte dalla nostra esperta classe politica per salvare quel poco che resta del Paese.
“VAGABOND”: prodotto pensato per i giovani (sul modello del famoso biglietto ferroviario "Inter-rail") che, in attesa di tempi migliori, intendono viaggiare all’estero con la certezza che al loro ritorno non troveranno neppure più la banca in cui avevano aperto il conto corrente.
"NEUROBOND": l'ideale per i giocatori d'azzardo che sono ormai stufi del poker e delle slot machine. Si tratta infatti di titoli il cui comportamento "bipolare" non ha nulla a che fare con le logiche dei mercati, dell'economia e della politica.
L'Istat annuncia che la disoccupazione è in aumento o che non ci sono più soldi per pagare la cassa integrazione? 
Il valore dei  "Neurobond" s'impenna felicemente.
La produzione fa registrare una vertiginosa accelerazione nell'ultimo trimestre? 
I "Neurobond" restano inchiodati al valore del giorno precedente
Trovate sul conto corrente la piacevole sorpresa di qualche centinaio di euro di interessi maturati? 
Attenti! Potrebbe essere l'opera  di  alcuni "Neurobond" che si sono introdotti nel sistema informatico della vostra banca per farvi uno scherzo.
Avete già speso quegli interessi facendo shopping? 
Peggio per voi. Siete rovinati. I "Neurobond" che avevate acquistato vi vengono immediatamente ritirati. E il giorno seguente, naturalmente, il 
loro valore decuplica….
Ancora una volta sono certa che diventero' milionaria....

domenica 21 agosto 2011

Le mani nelle tasche del Papa

Arriva su internet l'onda lunga della crisi che intende abbattersi sul Vaticano con la fondazione dei soliti gruppi Facebook. Il motivo è, senza dubbio, valido: spingere i politici a togliere i privilegi da casta alla Chiesa, visto che non vuole togliersi i propri. I soliti bene informati prevedono che nella messa finale della giornata della gioventù, il Papa Benedetto XVI farà un annuncio epocale: la Città del Vaticano diventerà ufficialmente un vero paradiso, un paradiso fiscale, con un'eventuale cambio di sede della Santa Sede. Ce ne parla il Professor Jesús Desalmados, esperto spagnolo in tutte le cose relative all'anima ed alla loro influenza sulle cose del mondo. Ecco il vero "paradiso" fiscale «Sì, il Papa vorrebbe andare via dall'Italia, ci racconta Jesús, è preoccupato per il notevole accanimento contro la Chiesa dei poveri, la cui sola colpa sarebbe quella di alloggiare gratis nello stato italiano senza pagare le tasse e godendosi una parte delle tasse degli italiani. Si starebbero creando i presupposti per vivere una nuova Crisi Calabiana, che potrebbe portare a nuove leggi Siccardi e Rattazzi, fiore all'occhiello dell'Italia che fu. Ovviamente i suoi timori vengono acuiti nel paese in cui si è inventata la desamortización, il metodo spagnolo che meglio ha funzionato nel corso della Storia per privare le organizzazioni religiose cattoliche dei loro beni, decretando la fine di anni di manomorta (forse bisognerebbe meglio intervenire ai nostri tempi per debellare ben altro tipo di mano morta). La cosa più probabile è che il Vaticano emigri alle isole Cayman o su qualche atollo creato dal nulla per portare il Paradiso in Terra, cioè il paradiso fiscale in terra di nessuno. La nuova collocazione fisica della Chiesa servirebbe a ricreare un alone di santità e ad alimentare il turismo cristiano in Oceania e Amazzonia, dove verrebbero trasferiti, pezzo a pezzo, tutti gli immobili siti nell'attuale Città del Vaticano e in giro per l'Italia. I beni ecclesiastici diverrebbero di proprietà dello Stato che li acquisterà' (previa ri-valutazione catastale e pagamento immediato con versamento allo Ior) e che li ri-venderebbe subito, come mi ha confermato il mio amico antiquario Faust Mefisto, che ha in mente di trasformare una serie di chiese in una catena di agriturismo. Ora però cito da un libro che ho appena letto "L'Italia è uno stato aconfessionale a chiacchiere" scritto dal Dr. Spendispandieoffendi, il più grande esperto di finanza del nostro paese, dove dice: 
 "Date a Dio, quello che è di Dio, l'importante è che non sia mio".

Ora mi chiedo: in Italia si cercano disperatamente soldi per ripianare la crisi, ma tutti sanno che gli abiti talari non hanno tasche, per cui mi spiegate bene dove metterete le mani per attaccare il patrimonio ecclesiastico cari i miei politici?

venerdì 19 agosto 2011

Intervista allo speckulatore che ha messo sotto scacco i Btp italiani



Finalmente le mie spie mi hanno fornito il nome di colui che sta’ facendo crollare i BTP italiani. Il suo nome è  Bund Spencer. Vive in un maso isolato a Solda, in val Venosta, a 1.950 metri. E’ un omone di 140 chili, tutto d’un spatzli, i famosi gnocchetti sudtirolesi (guai a chiamarli altoatesini: ogni volta che si pronuncia la parola “altoatesino”,  Bund mette nervosamente mano al crick appeso alla cintura dei calzoni di cuoio).
Da quando ha finito la terza media alla scuola “Oktoberfest” si è tuffato nel settore della speckulazione: il suo mestiere è vendere speck. Ed è lui lo speckulatore che ha messo in ginocchio Piazza Affari.
Per riuscire a intervistarlo sul perché, sul percome, sul perdove e sul perquando ha deciso di attaccare i mercati azionari ho dovuto supplicarlo per settimane, finché non mi ha invitata a gustare insieme lo “Schutzhüttenbrettl”, la tipica merenda sudtirolese (guai a chiamarla altoatesina). In un battibaleno lui si divora una coscia di speck da quasi 10 chili, quattro kili di kanederli e si sgola una damigiana da 5 litri di Schiava Alto Adige Doc. Alla fine dello “Schutzhüttenbrettl” emette il tipico suono delle valli sudtirolesi (guai a chiamarle altoatesine) e avendolo sentito in diretta vi posso assicurare che non è certo uno jodel.
Ecco allora in anteprima il testo integrale dell’intervista, che verrà pubblicata sulla rivista culinaria “I LANGAROLI” all’interno della rubrica “Il quesito della Val di Siusi”.
 (Poikè la kiakkierata è stata fatta in tedesko –le mie cognate sanno che lo parlo benissimo-, i lettori mi skuseranno per l’uso intensivo della kappa, che kome una kappa avvolgerà tutta l’intervista).

Shayra: Perké ha deciso di fare lo speckulatore?
Bund Spencer: Foi kosa afeste fatto se foste nati in kvesta lokalità pikkola kiamata la Siberia del Tirolo, dove i kontadini manciano dallo stesso piatto degli orsi, i pampini kavalkano i lupi, i vekki hanno l’artrite degli stambekki e le mamme kantano rauke ninne-nanne al dolce ritmo dei kolpi di bekko dei pikki? Kvi da noi la rikkezza non si misura in Pil, ma in Pig: Prodotto interno grasso. Kvi a Zolda il rapporto è di zweimila maiali per ogni abitante. Io arrivo a kuota zwanzigmila. Posso daffero dire ke ne ho una pigna. (ride da solo alla sua battuta).
Shayra: Per kvale motifo ha skatenato tutto kvesto putiferio kontro merkati finanziari di nostro beneamato Paese?
Bund Spencer: Foi kosa afeste fatto se foste nati in kvesta lokalità pikkola kiamata la Siberia del Tirolo, dove i kontadini…
Shayra: Occay, il koncetto è chiaro, ma mi tolga solo una kuriosità: kvale stratecia d’attakko ha utilizzato?
Bund SpencerHo dato ordine alla mia Kassa rurale delle Torri del Vajolet di prelevare, dal mio kaveau intagliato nella dolomite, una pikkolissima kuota dei miei poferi risparmi di una vita (666 miliardi di euro): kosì ho fenduto kvindici miliardi di euro infestiti in Btp del Tesoro italiano.
Shayra: Una vera katastrofe per il merkato oppligazionario: ekko perké i rendimenti e i riski legati ai titoli di Stato sono skizzati alle stelle! A ke kosa servivano i qvindici miliardi inkassati?
Bund Spencer: Ho akvistato kvattrocentomila maiali da cui rikaverò kvattrocento tonnellate di speck, che lascerò ad affumikare nella mia malga “Ilona Staller” fino al 2019, kvando skatterà l’anno del maiale. A kvel punto con la mia kompagnia aerea privata, la Schweines mit Flugels (Porci con le ali, ndr), le trasporterò in Tunisia: laggiù sono grandi konsumatori di karne di porko.
Shayra: E adesso kosa ha intenzione di fare?
Bund Spencer: Foi kosa fareste se foste in kvesta lokalità pikkola kiamata la Siberia del Tirolo, dove i kontadini…
 (Klik. Ho  kiuso il registratore. Ora ci sbafiamo un’altra “Schutzhüttenbrettl”, la tipica merenda altoatesina. Ops, l’ho detto... Herr Bund ha messo mano al crick. Devo  skappare…. Alla prossima intervista!! Ciao a tutti.

Spero che i miei parenti che abitano nel Trentino Alto Adige non mi tolgano il saluto a causa di questo post… Vi voglio bene a tutti .




giovedì 18 agosto 2011

OFFRESI LAVORO E UN SACCO DI SOLDI….


Torno dalle vacanze (una settimana dedicata ai suoceri ottantenni )e mi trovo la casella di posta piena di nuovi, eccitanti spunti per  prendere per il popò a  dovere qualche povero precario che sogna un lavoro a termine di 1 mese o 2 su tutto l’anno….  La mail così recita:   

Oggetto: Come Trovare Lavoro A Posto Fisso In Rete  da: lavoro e Servizi  newsletter@testsendblaster.com   

Ciao, sono Mauro Baggi e volevo condividere con te l'interessante risultato delle miei ricerche sul web in fatto di lavoro.( Ok, io di solito sul web ricerco solo ebook  , ma capisco che ognuno abbia i sui interessi). Leggiamo cosa vuole dirmi Mauro:  A me piace molto lavorare con internet, ma capisco anche che una persona voglia (oltre a questo) una certa sicurezza economica.( Ti sbagli. IO PAGO, per stare su internet, pensa un po’?)… Quindi un posto fisso sarebbe sufficiente? Si, per molte persone questa è l'aspirazione, per poi dedicarsi anche ad altri lavori part-time come per esempio "lavorare con internet". (per me è la locuzione al secondo posto tra quelle che non significano un cippo lippo superata solo da "lavoro col computer"). Continua il Mauro: benissimo, questo è giusto, ma dobbiamo prima cercare correttamente il lavoro a retribuzione fissa. Il manuale che abbiamo preparato per te, può farti trovare quel posto lavorativo ambito da parte tua con molta più facilità. Basta andare in giro e cercare a vuoto, tutto è stato inserito per permetterti una ricerca facile, rapida e con sicuri profitti in termini di risultati. Ricerca facile? Sicuri profitti? Oh cavolo, sento che la mia vita sta per cambiare! Ci sono già persone che hanno avuto successo, e puoi leggere le loro storie direttamente nel sito .Oh, tra poco lo farò, non dubitare. E' la mia parte preferita…. E dato che le opportunità nascono da internet, questo libro ti permetterà di trovare facilmente il tuo lavoro ideale. In questo corposo manuale vi saranno le spiegazioni e i tutorial su come ottenere il tuo lavoro a retribuzione fissa mensile. NON E' UNO SCHERZO - E' LA REALTA' ! Capito? NON E' UN FUCKIN' SCHERZO, precario sfigato! E' LA DANNATISSIMA REALTA'! Questo manuale finalmente è uscito, (è unico sul web) ti permetterà di trovare il tuo lavoro ideale in qualsiasi ramo tu voglia, e qualsiasi siano le tue aspirazioni di lavoro. Oltre 100 immagini, e una serie di scorciatoie e suggerimenti pratici per individuare da subito gli strumenti che userai per la tua ricerca. Unico sul web! 100 immagini! Scorciatoie e suggerimenti! Dai, è impossibile che ci sia una fregatura .TROVARE LAVORO NON E' MAI STATO COSI' VELOCE! Entra nel sito e non perdere questa opportunità finché è in promozione. 

Clicco sul link che qui non riporto per vergogna e mi appare  subito un'immagine che vale mille parole:


Vuoi far parte di questo gruppo di ebeti?
Comprate il libro! In chiusura, tre immagini tratte ancora dal sito per illustrarvi solo tre dei bellissimi e qualificati lavori che potreste trovare grazie a questo meraviglioso libro!




Cerchiare annunci sui giornali con la matita rossa... 


Fissare uno schermo spento ...


Diventare un  idiota felice e..(Ah, se vi interessa, il libro costa 49 euro e novantacinque, e cliccando sull'acquisto si apre una pagina per la transazione che Google Chrome identifica come insicura... che dire a questo punto? Brunetta continua ad avere ragione, non abbiamo voglio di lavorare, siamo un popolo di sfaticati e fannulloni…. Vergognamoci!!)








mercoledì 17 agosto 2011

HO INTERVISTATO GIULIO TREMONTI…


L'intervista è di quelle dolorose, di quelle che si fa fatica a credere che siano state rilasciate in un paese industrializzato dove la dignità economica dovrebbe essere garantita a tutti, non solo ai precari . Incontro Giulio al termine del turno  serale all'acciaieria in cui lavora ormai da diversi mesi. Eccolo che si sfila la tuta da operaio madida di sudore e lentamente si incammina con i suoi compagni verso l'uscita. Battista gli apre la portiera dell’Audi 6 blu e  partiamo a sirene spiegate verso casa. “Sono costretto ad arrotondare in acciaieria  - mi dice-perché non  arrivo a fine mese. Il ministro Rotondi ha colto nel segno: dopo aver pagato collaboratori vari, affitti in nero e via dicendo, alla mia famiglia restano solo 14000 euro che bastano a malapena a soddisfare i bisogni primari: idromassaggio a 56 velocità, corsi avanzati di ceramica, maneggio in collina e rubinetti del cesso in oro. Ci sono giorni in cui dobbiamo rinunciare alla carne di panda e ripiegare sul vitello. Per non parlare del nostro cane che ha dovuto interrompere le sedute dallo psicologo perché non potevamo permettercene più di due a settimana”. La voce si rompe quando parla dei suoi figli. “Quando mia figlia è andata a scuola indossando per due giorni di fila lo stesso Armani ho creduto che non fosse poi così grave; voglio dire, magari le sue amiche avranno pensato che aveva semplicemente due Armani identici. Ma quando la Lamborghini di mio figlio è rimasta a secco a 50 metri dall'universita'  ho capito che dovevo fare qualcosa, dovevo rimboccarmi le maniche. Mio figlio  ha ancora nelle orecchie le risate dei suoi compagni della Bocconi  che lo schernivano mentre l'autista gli spiegava che avrebbe dovuto camminare a piedi fino al cancello.” Giulio si fa forza dando un morso ad un tartufo di 2 kg accompagnato da un sorso di Borgogna del 1805 sorbito dal teschio di un cassaintegrato. La macchina sfreccia nel traffico, la sirena e il colore dell'auto annullano per magia semafori rossi e sensi vietati, ma all'interno del veicolo il dramma continua. “Alcuni miei colleghi sono disperati. C'è chi la notte non va più a trans ed è costretto ad avere rapporti sessuali con le mogli. A volte persino con le proprie. Ma anche per quelli che non militano nella lega non va meglio: non tutti possono barattare il sesso con un posto in Parlamento o in un Consiglio regionale, devono mettere mano al portafogli e con 14000 euro al mese al massimo ci scappano due gemelle di cui solo una con le tette rifatte.” L'auto si ferma. Giulio scende, e dopo avermi salutata si avvia rassegnato in Parlamento dove avrà solo pochi minuti per mandare giù un pranzo di tre portate a meno di 5 euro, fare un salto gratis dal barbiere per poi andare a sedersi in aula e cercare di trovare una soluzione alla grave crisi economica che sta’ vivendo….Coraggio Giulio, puoi farcela….


martedì 16 agosto 2011

SE SON BOT-TI FIORIRANNO…..


Cari amici/e che mi leggete, dopo 3 giorni di assoluta meditazione e attenta lettura della Manovra economica propostaci dai “Soliti Idioti” vorrei qui fare un piccolo punto della situazione e chiarire quelle che a mio parere saranno le logiche conseguenze di codesta tremontiana impresa dopo che tutti hanno sentito l’ultima dichiarazione dell’amico Giulio:   “La scure del Governo – ha spiegato il ministro Giulio Tremonti – ricadrà ancora una volta sui più deboli e i meno abbienti perché, essendo il Paese in piena emergenza, non abbiamo tempo per abituare i ricchi a pagare” E infatti appare chiaro anche al mio cane che l’elenco delle cazzate proposteci sarà così distribuito:
FESTIVITA’ ACCORPATE: Tutte le feste non religiose saranno spostate al lunedì, tranne che per il Parlamento, il quale, lavorando solo dal martedì al giovedì, ha già il lunedì come giorno di festa,  non è quindi possibile inserire nella settimana un giorno “multifestivo”.
 IRPEF: Ci sarà un aumento dell’aliquota Irpef per i circa 23 lavoratori autonomi che dichiarano redditi superiori ai 55 mila euro annui.
TREDICESIMA MENSILITA: I dipendenti pubblici degli enti che non rispettano gli obiettivi di riduzione della spesa potrebbero perdere la tredicesima mensilità. Rimangono ovviamente esclusi quelli del Senato, dove ridurre ulteriormente la spesa per un pranzo dagli otto euro attuali di media è troppo complicato.
 SOPPRESSIONE DELLE PROVINCE: Verranno soppresse le Province con meno di 300 mila abitanti o una superficie di 3 mila chilometri quadrati. Sarà comunque possibile dichiarare guerra ad una provincia confinante per acquisirne il territorio utile a non incorrere nella soppressione.
 TFR: L’indennità di buonuscita dei lavoratori pubblici slitterà di due anni. Se nel frattempo l’ex lavoratore morirà, perderà il diritto al Tfr, perché accurati studi di settore hanno confermato che la morte implica un “passaggio a miglior vita”. Il diretto interessato potrà comunque proporre ricorso alla Croce Rossa.
 PRIVATIZZAZIONI: Saranno incentivate le privatizzazioni e le liberalizzazioni dei servizi, previo accordo con la Bce, la Francia e la Germania e  i Cinesi (hanno acquistato i nostri debiti)  nuovi proprietari della nostra penisola.
 LICENZIAMENTI: Sarà più facile licenziare i lavoratori con contratto a tempo determinato. Nello stesso tempo, si favoriranno tutte le misure per stabilizzare i precari, al fine di aumentare il numero dei lavoratori a tempo indeterminato da licenziare più facilmente.
 EVASIONE: “Colpiremo gli evasori grazie alla tracciabilità delle somme superiori ai 2.500 euro” ha detto Tremonti, il ministro che pagava in nero i 4.000 euro mensili di affitto per l’appartamento in cui viveva, appartenente al suo consigliere.
CRUSCA: L’accademia rischia di essere cancellata dai tagli previsti per gli enti che hanno meno di 70 dipendenti, ma il ministro Giancarlo Galan, titolare dei Beni culturali forte della sua esperienza come ex responsabile dell’Agricoltura, ha assicurato che la Crusca verrà conservata…. La potremo sempre mangiare quando non potremo più comprare il pane!!!

PS: Caro collega Giulio a mio parere ne stai facendo di figure di cacca, dall'evasione fiscale, alla non prevedibilità dell'attuale crisi, al disconoscimento “ad post della manovra”... niente niente ci vuoi pure vendere i bot-ti della Banca dell’Asciutto????



sabato 13 agosto 2011

L’UOMO DI "ARCUORE".. IL SUO CUORE SANGUINA!!!


Le borse di tutto il mondo si trovano nella classica situazione che gli analisti finanziari chiamano in gergo tecnico “mare di merda”. Ecco un’analisi che ho redatto durante la giornata odierna e con un po’ di ritardo posto stasera di  6 Paesi che a detta dei “gemelli perversi “ ( Silvio & Giulio") hanno collaborato tutti coesi a sommergerci di letame:

Stati Uniti. 
lI debito pubblico stazionava da tempo sulle 68 cifre e, per evitare il default, Democratici e Repubblicani hanno deciso di portalo a 69, numero che nella smorfia newyorkese indica notoriamente il “disoccupato”. Standard & Poor’s, da sempre indicata come l’agenzia di rating più superstiziosa, ha perciò deciso di togliere una A alla nazione a stelle e strisce; da oggi la chiameremo MERICA.
Spagna. Anche in Spagna la situazione non è delle migliori. A causa della crisi finanziaria, del tasso di disoccupazione che sfiora il 20% e dell’inaspettata mancanza di sangria, Zapatero ha indetto per il 2 novembre le elezioni anticipate perché’, il paese iberico è nel mirino degli speculatori finanziari, soprattutto di quelli che hanno mangiato male al ristorante “El Moro” di Madrid.
Cina
La Cina è il principale creditore degli Stati Uniti e Italia, per questo motivo, anch’essa risente molto della crisi ..Pechino guarda con preoccupazione l’evolversi della situazione e, secondo fonti locali non ancora imbavagliate, i membri dell’esecutivo comunista starebbero stemperando la tensione torturando gli attivisti per i diritti dell’antilope tibetana e cercando una casa gratis a Tremonti che dopo avere venduto i nostri debiti al COLOSSO GIALLO è stato nominato Consulente finanziario del regime comunista !!
Germania 
Attualmente la Germania rappresenta la nazione dall’economia più solida e, nonostante mostri una certa apprensione per le sorti dell’Europa, le priorità dell’agenda di governo riguardano esclusivamente le scorte di birra scura per il prossimo Oktoberfest. Nel caso sopraggiungano problemi, però, l’esecutivo valuterà con cura l’ipotesi di invadere la Polonia e riaprire i lager ospitandoci tutti i politici italiani onesti e responsabili….
Groenlandia
Gli analisti finanziari non hanno dubbi: fa un freddo becco…  investite in ghiaccioli e granite!!
Italia
Il pareggio di bilancio, inizialmente previsto per il 2014, è stato anticipato, causando code interminabili nelle farmacie e negli esercizi commerciali che vendono lubrificanti. Il provvedimento si è reso obbligatorio a causa degli speculatori -molti dei quali sicuramente italiani- che stanno accanendosi oltremodo contro il nostro Paese. Berlusconi dice che c’è da stare tranquilli, ma ormai gli italiani hanno imparato a riconoscere da 10 Km tutte le sfumature cromatiche della merda. Il nesso di causa effetto tra le rassicurazioni del Cavaliere e il crollo di Piazza Affari è tuttora all’esame di equipe di matematici, statistici e urologi , visto che le mani il nostro caro Silvio non le ha messe nelle  nostre tasche , ma direttamente nelle retro delle mutande….
Scusate ora mi ritiro…. Ho il cuore straziato e sanguinante!!!!!!


venerdì 12 agosto 2011

OGGI HO PRANZATO CON BRUNETTA…



Oggi ho pranzato al ristorante dei senatori a Palazzo Madama  insieme a Brunetta e immaginate il mio stupore quando ho visto che il costo di un lauto pasto è di 10 dico 10 euro. Ecco cosa ho mangiato:

Un primo fra i più pregiati (risotto al tartufo bianco) 2, 31 euro + un piatto di Branzino sfilettato costo  4, 37 euro, totale 6,68 euro!!!!!

Mentre mangiavo e pensavo al lusso e allo sfarzo che mi circondava  dicendo a Brunetta quanto fosse fortunato a godere di tutti codesti privilegi, il povero Brunetta mi risponde tutto incazzato (come sa’ fare solo lui) che arriva a stento alla fine del mese con i 15.000  euro netti mensilmente corrisposti, senza aggiungere i vari benefit extraparlamentari dei quali i parlamentari fanno uso ed abuso. Di fronte a queste cifre che farebbero arrossire un gambero ustionato, il “Nostro Mini-stro “ mi guarda indignato  e con la pazienza di cui è famoso mi fa’ notare che tutto ciò  è dovuto a fronte delle immense spese che tutti “Loro” sostengono per governare codesta Repubblica. Io  che la sera prima  avevo cenato in un  Kebab da asporto spendendo 5,70 euro per un panino, non ho potuto fare altro che trovarmi d’accordo con lui e sperare che aumentino i kebab a 10 euro cad. e mi sono anche sentita un verme visto che non faccio nessun sacrificio per la mia patria. Ma per fortuna che abbiamo chi ci tutela, pare infatti che i “gemelli diversi” Silvio & Giulio abbiano previsto un nuovo decreto  che obbligherà i  sindaci di  tutte le città  ad aprire ogni 500 abitanti  un “Ristorante del Senato” dove tutti i cittadini potranno consumare un pasto “Senatoriale” allo stesso prezzo degli “Onorevoli”. Italiani prepariamo le forchette che finalmente il “Magna Magna “ arriverà anche per noi! Ma avete presente che mangiate COESE potremo fare?  Credo cari amici che non saranno sufficienti nemmeno altri 20 Milioni di tubetti di Attack per farci alzare da questi ristoranti che apriranno a questi prezzi, diventeremo obesi e talmente sazi che nemmeno con il  guttalax  restituiremo il cibo mangiato…. Nulla ci spaventa, noi nella popò a 
differenza di loro siamo abituati a rotolarci da anni…







giovedì 11 agosto 2011

OGGI VOGLIO ESSERE SERIA…


Notoriamente credo abbiate capito che sono una donnina che ama l’ironia e il lieve cinismo, ma oggi  mi chiedo: dobbiamo davvero preoccuparci  per quello che sta’ succedendo in Italia oppure è una barzelletta di Silvio per farci ridere come sa’ fare lui o anche lui comincia davvero a preoccuparsi che presto oltre al commissariamento gli verrà messa una badante fissa? Il nostro Paese è stato messo sotto tutela: Francia, Germania ci sollecitano a mettere in pratica le misure economiche. Del resto, una nazione è come una famiglia: quando si devono tagliare le spese si comincia da subito e non si va in ferie. Qui invece prima si va in ferie e poi a settembre si pensa a fare economia. Ma poi come si farà quest’economia? Il governo, invece di andare a prendere i soldi dove ci sono, ha pensato di agire ancora sulle pensioni, di bloccare gli stipendi dei dipendenti statali che sono notoriamente dei nababbi, di mettere i ticket sulla sanità. Eppure a mio modo di vedere ci sarebbero altri modi per recuperare soldi: rivedere le province, abolire gli sprechi della politica, ridurre gli stipendi d’oro dei deputati, far pagare l’Ici almeno per case al di sopra di un certo livello e valore, far pagare l’Ici al Vaticano, tassare i grandi patrimoni, combattere l’evasione fiscale. Forse così l’economia potrebbe ripartire. Ho però un dubbio di fondo. Si sente dire che l’economia non cresce, ma in tutte le funzioni fisiche si osserva lo stesso schema: crescita, rallentamento e calo. 
Perché invece l’economia dovrebbe crescere sempre?
Gli economisti ce lo spiegassero, per favore…..e  scusatemi se ve lo chiedo ma fa’ parte della terapia contro la gastrite che sto’ 
cercando di curare!!!

mercoledì 10 agosto 2011

O LA BORSA..... O LA CIOCCOLATA!!


Dopo mamma Rosa ballerina mancata,
 la zia suora che prega per la sua salute sessuale 
e la zia Mariuccia che si rimirava allo specchio perché’ era bellissima come lui, un nuovo personaggio è apparso nella fantastica saga familiare di Berlusconi: il papà grande esperto di Borsa. Il quale però, a sentire Silvio, non aveva proprio una concezione molto approfondita della finanza, se, per spiegare la complessa materia al figlio, usava l’abusata metafora dell’orologio rotto che almeno due volte al giorno segna l’ora esatta.... Ma il brodo riscaldato, ormai, per il premier decotto, che deve soltanto far passare il tempo per ottenere qualche prescrizione ad personam in più e ammortizzare i costi di una maggioranza a contratto, fatta di precari col coltello tra i denti per conquistare la pensione va bene e ce la racconta pensando di mettere tutti a tacere e invitandoci a investire azioni nelle sue aziende. ALLA FACCIA DEL CONFLITTO D’INTERESSE!!. Ma, con la stessa ammirevole faccia da popò, anche i berluscones di lungo corso sono talmente impegnati a negare nei talk show che la grave crisi italiana, come scrivono alcuni autorevoli giornali stranieri, sia colpa del genio Silvio, da dimenticare tutto quello che hanno ripetuto per anni; e cioè i peana al Dio mercato, contrapposto alle poltrone di Stato, cui ora sono attaccati i loro culi liberisti… E allora, alla faccia dei pensionati  e di tutti i poveracci che  verranno tassati ancora di più per salvare tutta questa bella gente che ci ha fatto mangiare solo cioccolata si può chiudere questo mio post con : "Basta con i piaceri della carne! Facciamo godere anche le verdure!" ( siamo stanchi della cioccolata)!!!!!!!!!



♥ LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...