Effetti Immagini

Pagine

sabato 30 aprile 2011

Stasera mi sento un po’ ironica….

Allora vediamo :
per fare tutte le leggi ad personam servirebbero 147 Camere. A causa dell’arretratezza della Costituzione Repubblicana, si è verificato il drammatico evento che Niccolò Ghedini andava profetizzando dai tempi della sua tesi di laurea, dal titolo «Al Capone: Questo povero perseguitato». Un evento che, ammoniva Ghedini, avrà conseguenze più tragiche della crisi del capitalismo: la crisi del bicameralismo. Berlusconi sperava di nasconderla agli occhi del Paese ostentando ottimismo, ma ormai i suoi effetti sono sotto gli occhi di tutti: due camere  sono troppo poche. Non bastano ad approvare tutte le leggi ad personam che servono al premier per non essere condannato. Con il Legittimo impedimento alla Camera e il Processo breve al Senato, una delegazione di parlamentari del Pdl è stata costretta ad occupare la Buvette di Montecitorio per discutere la sospensione dei processi e il bagno delle donne di Palazzo Madama per esaminare la legge sull’inappellabilità. Mesi fa Berlusconi aveva esposto il problema ad un agente immobiliare :serve un Parlamento pluricamerale. Del resto, nella villa di Arcore, ci sono 147 camere, in ognuna delle quali c’è un avvocato che scrive una legge ad personam. La crisi del Bicameralismo costringe la maggioranza a rinviare la discussione sulle riforme che interessano al Paese, perché non si sa dove discuterle. Restano in attesa i cassintegrati e i precari, in favore dei quali Berlusconi vorrebbe rilanciare la produzione di due nuove auto ecologiche: la Fiat alimentata a Pdl, con le sospensioni ai processi, sei retromarce per rimangiarsi gli annunci elettorali e l'air bang bang ad personam e per i precari contratti a tempo indeterminato per schiaffeggiare i pomodori e farli maturare prima.
Bene a questo punto non mi resta che andare a Forum tanto  all'udienza preliminare non c'’è interrogatorio. E poi così  potrò vedere LUI che come tutti sanno gli  sono sempre piaciuti i preliminari con le manette e quelle vestite da poliziotto.
By Shayra


venerdì 29 aprile 2011

Se IO fossi un Premier....

BOIA CHI MOLLA !ed io non mollo ed è per questo che mi sono alleato con Bossi che ce l’ha sempre duro anche se, ultimamente, non si ricorda più cosa.
Solo soletto nella sua cameretta da letto

pensa, si strugge, mugugna ed alla fine dei suoi “mal pensieri” sbotta:
ma che scuse del cactus, dovrebbero ringraziarmi per aver fatto ridere l’universo intero, animali compresi – sentite come se la ride la iena ? - in un momento così difficile per tutti a causa dell’economia andata a rotoli.
E poi mica ho detto una delle mie solite bugie, divenute per colpa di una stampa comunista celeberrime in tutto il nostro pianeta e nei suoi satelliti, anche in quelli artificiali; Obama, secondo voi, è o no veramente “abbronzato” e splendente come il sole cocente che l’ha reso così?
Io sacrifico la mia esistenza per tutti i popoli del mondo e in ricambio mi danno del comico ed anche di peggio; e dire che potrei godermi le ricchezze accumulate in questi anni di governo se non fosse per quei maledetti magistrati dalle toghe rosse che, non avendo altro da fare – ha ragione Brunetta a dire che sono dei fannulloni e che vuol mettere di persona, per non frasi fregare, dei tornelli in ogni loro stanza - vanno ficcando sempre il loro naso nei miei affari privati !
Ma io vado avanti per la mia strada maestra unica e continuo a pensare su come agire per riuscire a far fare un passo avanti a tutti i miei sudditi che si trovano sull’orlo di un baratro; mi riferisco a coloro che non ridono mai perché, poveri in canna, non ce la fanno ad arrivare a fine del mese, a chi ha perso il posto di lavoro, a quegli extracomunitari sfruttati da una banda di imprenditori senza decoro.
Finisco qui sennò la farei troppo lunga con la lista dei miei meriti.
Ma che vita è questa per loro, occorre porre rimedio in tempo; un passo avanti per tutti e così si ritroveranno in un mondo diverso dove tutto è bello, così almeno ci raccontano da secoli tutti i ministri della Città del Vaticano, non certo i miei che peggiori di così non se ne trovano altrove; hanno portato all’ammasso la loro intelligenza e per non fare una brutta figura continuano pedissequamente a ripetere quello che dico io; sono il loro Verbo anche se mi fanno passare per un ventriloquo.
Per questo non cedo, non mollo, anche se .....
"Perchè Obama non telefona ? " "Che non abbia il mio numero di tam tam ?!
Ma no, si che lo ha, ma forse….
Beh, intanto per non lasciare tempo alle recriminazioni mi dò da fare perché il giorno del G20 si avvicina e non vorrei presentarmi impreparato.
Il problema è grosso, caspita

"Dunque c'è un inglese, un americano, un russo, un tedesco, un francese...."
"EHI, abbiamo una barzelletta per 20 protagonisti ?-Io, comunque, telefonata si telefonata no, ci vado.
Senza di me quei 19 rincoglioniti, pardon, 18 perché il mio amico Bush è ancora in sella sino a fine anno ed è ancora in gamba, specie quando scappa dalle sue enormi responsabilità sull’attuale stato di cose.
Chissà cosa combinerebbero senza di me e senza aver ascoltato le mie soluzioni per risolvere la grave crisi economica.
I popoli debbono ripartire da zero perché peggio di così si muore.
Io sarò il nuovo Noè ed ho già pronta un’Arca modernissima con ogni comfort.
Tutto è già pronto anche se debbo ancora trovarmi una partner nuova di zecca; metterò alla prova durante la navigazione le centinaia di donne reclutate per la bisogna da tutte le parti del mondo.
Una sola maestra, unica, insegnerà loro una lingua unica ed anche come saperla usare in tutte le occasioni.
Sarà un compito difficoltoso ma io sono fatto così, sono un unico al mondo dove
c’è chi vive e c’è chi muore,
c’è chi sale e c’è chi scende,
c’è chi può e chi non può
IO PUO’
così come diceva un mio collega presidente, buonanima, di una squadra di calcio del sud.
Vedete che io penso anche al Sud, alla mia Sicilia anche se lì c’è un medico che mi ha conciato così come mi vedete adesso.
Ha pensato a tutto meno che al mio cervello.
Ma dov’è la coppola, la mia coppola da notte; si ne ho due una per il giorno e l’altra per la notte.
Baciamo le mani a tutti.



BY SHAYRA

Pensiero della notte...

Se ci sforzassimo a fare il bene, più che a stare bene; forse riusciremmo a stare meglio.


sabato 23 aprile 2011

Pensiero della notte...

Non posso perdere l'unica cosa che mi mantiene viva: la speranza. Una parola che spesso, si trova con noi al mattino, viene ferita nel corso della giornata e muore all'imbrunire, ma risuscita con l'aurora.

♥ LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...